Ossigeno Terapia Iperbarica "HBOT"

La terapia iperbarica ha come obiettivo quello di generare una forte iperossia che si ottiene dissolvendo ossigeno nel plasma sanguigno.

 

Questo effetto si ottiene respirando ossigeno ad alta concentrazione, attraverso una mascherina, ad una pressione maggiore di quella atmosferica 1 ATM.

 

L’iperossia innesca una serie di benefici fisiologici nell’organismo, con i quali esercita una forte azione coadiuvante nel trattamento di molte patologie.

 

Il grado di iperossia è strettamente legato alla dose di O2 somministrata, che a sua volta dipende: dalla pressione alla quale viene sottoposto il paziente, dalla durata della seduta, dalla frequenza settimanale e dalla quantità di sedute.

Caratteristiche del trattamento Ossigeno Terapia:

  • durata del trattamento 8/10  sedute  sempre a descrizione  del medico richiedente

  • la seduta ha una durata di 40/50 minuti secondo patologia

  • si consiglia di eseguire sedute intervallate di 1-2 giorni max

  • Durante l’esecuzione del trattamento è VIETATO INTRODURRE DISPOSITIVI ATTIVI (es. tablet,cellulare etc)

  • L’ingresso alla camera prevede indumenti monouso

 

Come per tutte le attività erogate da Diagnostica Marche, anche l'Ossigeno Terapia viene svolta secondo indicazione del Medico prescrivente. 

EFFETTI DELL'OSSIGENO IPERBARICO SULLA RISPOSTA INFIAMMATORIA A FERITE E TRAUMI

 

HBOT significa respirare ossigeno puro (100%) a pressione atmosferica aumentata. L'HBOT induce un'elevata pressione parziale di ossigeno in tutti i tessuti, riduce l'edema, provoca l'attivazione di fibroblasti e macrofagi e stimola l'angiogenesi e la sintesi del collagene.

 

FONDAMENTI SCIENTIFICI DELL'HBOT NEL PIEDE DIABETICO

La terapia di ossigenazione iperbarica è uno degli strumenti medici più efficaci e sicuri in grado di ridurre l'amputazione degli arti maggiori dei pazienti con piede diabetico infetto grave. È un'opzione di trattamento statisticamente comprovata con il supporto di studi di medicina basata sull'evidenza, purché sia ​​utilizzata in combinazione con il trattamento convenzionale, senza sostituire (o ritardare) la rivascolarizzazione quando necessario o debridement chirurgico e cure.

IL TRATTAMENTO CON OSSIGENO IPERBARICO INDUCE L'ESPRESSIONE GENICA ANTIOSSIDANTE

La terapia di ossigenazione iperbarica (HBOT) è stata recentemente promossa come approccio per ritardare l'invecchiamento. HBOT è l'uso medico dell'ossigeno a più di 1 atmosfera (atm) di pressione. Il principio terapeutico alla base dell'HBOT deriva dall'aumento della pressione parziale dell'ossigeno nei tessuti corporei. Inoltre, aumenta la capacità di trasporto dell'ossigeno del plasma sanguigno oltre quelle ottenibili in condizioni normobariche. Attualmente è usato per il trattamento di avvelenamento da CO, lesioni da radiazioni ritardate, malattia da decompressione, nonché ferite da diabete non cicatrizzanti e altre.

IN CHE MODO LE SCOPERTE DEL NOBEL 2019 SI RIFERISCONO ALLA MEDICINA IPERBARICA?

 

Perché l'ossigeno è necessario per il funzionamento delle cellule?

L'ossigeno è metabolicamente necessario, poiché quando non ce n’è abbastanza una serie di patologie viene scatenata dall'ipossia. La mancanza di ossigeno non è solo correlata all'ipossia, ma anche alle difficoltà che le cellule incontrano per usufruire dell'ossigeno. Queste difficoltà includono fattori come l'inquinamento e il fumo, tra gli altri. L'adattamento delle cellule alla mancanza di ossigeno provoca la generazione di malattie come le malattie neurodegenerative. Ad esempio, il Parkinson e l'Alzheimer sono associati a un tasso di inquinamento più elevato come fattore di rischio.

 

Heinrich Warburg, vincitore del Premio Nobel, aveva fatto riferimento nella sua ricerca al fatto che la maggior parte delle cellule tumorali produce energia principalmente nel citosol e mediante un processo di glicolisi anaerobica. Cioè, grazie agli alti tassi di glicolisi seguiti da un processo di fermentazione lattica. La maggior parte delle cellule normali produce energia attraverso la via dell'ossidazione aerobica del piruvato nei mitocondri.

 

Quest'ultimo processo utilizza l'ossigeno come accettore finale degli elettroni nella catena respiratoria. Le cellule maligne hanno in genere tassi di consumo di glucosio circa 200 volte superiori a quelle delle cellule normali che le hanno provocate. Questo succede anche con una fornitura completa di ossigeno. Otto Warburg ha postulato che questo cambiamento nel metabolismo è la causa principale del cancro.

 

Come funziona la terapia della camera iperbarica in assenza di ossigeno?

L'ossigenoterapia iperbarica riesce a recuperare le cellule colpite e quindi i processi fisiologici possono essere attivati ​​per rigenerare i tessuti, guarire e invertire il dolore e l'infiammazione in ferite complesse, malattie infiammatorie croniche e intossicazione. Promuove anche la diminuzione del microambiente ipossico e quindi riduce le condizioni favorevoli alla crescita del tumore.

L'obiettivo principale di questo trattamento è generare un'iperossia, aumentando la disponibilità di ossigeno e ripristinando la funzionalità della cellula.

 

Informazioni sull'ossigenoterapia iperbarica

L'ossigenoterapia iperbarica (TOHB) è un metodo non invasivo che consiste nel fornire alte concentrazioni di ossigeno in una camera iperbarica pressurizzata ad almeno 1,4 atmosfere. In condizioni ambientali normali, il 21% di ossigeno viene respirato a 1 atmosfera. Pertanto, all'interno della camera il paziente respira maggiori quantità di ossigeno, che vengono trasportate attraverso il sangue e raggiungono tutti i tessuti del corpo, anche quelli danneggiati.

------------------------------------

riferimenti

  1. Murdoch C, Muthana M, Lewis CE. L'ipossia regola le funzioni dei macrofagi nell'infiammazione. J Immunol. 2005; 15; 175 (10): 6257-63.
     

  2. Orru H1,2, Ebi KL3, Forsberg B4. L'interazione dei cambiamenti climatici e dell'inquinamento atmosferico sulla salute. Curr Environ Health Rep. 2017 dic; 4 (4): 504-13.
     

  3. Snyder B, Shell B, Cunningham JT, Cunningham RL. L'ipossia cronica intermittente induce stress ossidativo e infiammazione nelle regioni cerebrali associate alla neurodegenerazione in fase iniziale. Physiol Rep, 5 (9), 2017.
     

  4. Yttersian Sletta K., Tveitarås MK, Lu N, Engelsen AST, Reed RK, Garmann-Johnsen A, Stuhr L. Regolazione dipendente dall'ossigeno della crescita tumorale e delle metastasi negli xenotrapianti di carcinoma mammario umano. PLoS One.2017; 12 (8): 1-19.